Zafferano, ovvero una miniera d’oro.
Un alto numero di proprietà, una fonte eterogenea da cui attingere non solo soluzioni culinarie ma anche energia, forza e benefici fisici. Scavare a fondo nell’etimologia del termine è il modo migliore per afferrare il concetto di poliedricità che è tipica del prodotto. Lo zafferano è una spezia originaria della Grecia o dell’Asia Minore e il suo nome deriva dal persiano za’faran, la cui traduzione può coincidere con i termini giallo, luce, oro, illuminazione, saggezza rivelata.

Un’illuminazione, appunto. Come quella che irradia le migliori ricette in cucina, oppure come quella che risveglia l’animo da un dinamismo affievolito. Perfetto tra i fornelli, certo, ma anche e soprattutto adatto per riacquisire una vitalità perduta ed essere usato per le sue insospettabili proprietà terapeutiche utili alla salute.

Lo Zafferano di Nepi

Dalle analisi sul campione del nostro zafferano condotte dal progetto Italian Mountain Lab che comprende Università Unimont, Università Piemonte Orientale, Università degli studi della Tuscia, risulta che il nostro prodotto appartiene alla categoria I e quindi è di prima qualità.

Zafferano di Nepi - clicca per ingrandire.
Zafferano di Nepi - clicca per ingrandire.

Benefici per la salute

Le prime popolazioni a scoprire le proprietà terapeutiche della spezia furono quelle arabe. Più di recente, alcuni studi hanno effettivamente confermato che si tratta di un prodotto in grado di intervenire positivamente sull’umore. Una sorta di antidepressivo naturale, utile soprattutto per chi preferisce evitare l’uso e il consumo dei farmaci.

Nello specifico, lo zafferano contiene oltre 150 sostanze aromatiche volatili, componenti il suo olio essenziale. È ricco di vitamine A, B1 (tiamina) e B2 (riboflavina) e carotenoidi: safranale, crocetina, picrocrocina, α-crocina. Quest’ultima conferisce il tipico colore giallo oro alle pietanze. A fare la differenza, però, è proprio il safranale, in quanto si tratta del composto organico che – usato in fitoterapia – risulta essere in grado di influenzare positivamente l’attività cerebrale, efficace anche come sedativo e antispasmodico. Secondo ulteriori studi e ricerche, infatti, lo zafferano combatte i problemi di ansia e depressione, favorendo il ripristino di uno stato di calma e di rilassamento muscolare.

Relativamente a questioni legate all’organismo, essendo un potente antiossidante, lo zafferano contrasta i radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cellulare. E non solo. Esso stimola l’apparato digerente, aumentando la secrezione di bile e di succhi gastrici.

Eccola, la miniera d’oro di cui si parlava. Un prodotto di alta qualità che dà gusto e sapore alle ricette e che contemporaneamente può essere usato come rimedio a problemi e fastidi fisici. Una garanzia in cucina e una valida alternativa naturale per trovare sollievo, anzi, la luce, in condizioni di stress.

Valori nutrizionali

Una porzione di 0.1 grammi di zafferano (sufficiente per 2 persone) contiene 0.31 kcal, e quindi:

  • Proteine 0.01 g
  • Carboidrati 0.06 g
  • Grassi 0.005 g
  • Fibra alimentare 0.003 g
  • Sodio 0.148 mg
chef in cucina

Non solo ottime soluzioni culinarie: lo Zafferano possiede proprietà terapeutiche che intervengono in positivo sull’umore

Può essere considerato una valida soluzione naturale a problemi di ansia e depressione